Influencer Marketing: qual è il loro ruolo?

Spesso sono tra noi e non ce ne accorgiamo. Ormai, coi device e le diverse piattaforme a disposizione, potresti provarci anche tu! D’altronde l’influencer è una persona comune con un ruolo ben preciso. Ma perchè proprio influencer? Cos’è esattamente l’influencer marketing?

Te lo spiego subito! 

L’influencer non è altro che un soggetto che gode di una certa autorevolezza e una buona community che ha il potere di influenzare le masse e il loro potere d’acquisto. Chi fa la fortuna di questi soggetti?

I followers. Senza il seguito delle persone e senza un buon livello di autenticità, gli influencer non potrebbero essere tali. Prima si parlava solo di testimonial: ora ci sono anche loro, gli influencer.

Ma qual è il percorso che queste persone affrontano? Perchè un’azienda dovrebbe integrare la loro comunicazione nel suo piano?

Influencer Marketing: il potere dello storytelling

influencer marketing

Storytelling. Una parolina magica che gli influencer hanno fatto propria: il loro modus operandi si basa tutto sul potere dello storytelling, sulla capacità di raccontarsi in maniera autentica e chiara alle persone. 

Sono persone comuni in grado di raccontare la loro vita quotidiana mostrandosi a 360 gradi: l’aspetto psicologico su cui fanno leva gli influencer è la vicinanza. Il grado di vicinanza tra influencer e followers è assai elevato: per questo motivo le paroline di queste persone risuonano nella mente di noi comuni mortali influenzando il nostro processo d’acquisto, i nostri interessi e le nostre opinioni. 

Queste persone operano principalmente grazie ai canali visual: la loro comunicazione è assai coinvolgente e fa leva sulla User Experience degli utenti. Quando parliamo di User Experience facciamo riferimento all’esperienza dell’utente in rete, a come si comporta e che tipo di azioni svolge attraverso i suoi device. L’influencer riesce a coinvolgere facilmente chi lo segue: quest’aspetto ha attratto i grandi brand, i quali si sono resi conto del potere di queste persone. 

Quali sono le abilità degli influencer?

L’influencer, oltre a regalare emozioni e coinvolgimento, riesce a muoversi alla grande sui social media. Proprio attraverso questi, gli influencer hanno conosciuto il loro successo e si sono fatti conoscere. In particolar modo citiamo fra tutti Instagram e YouTube: sono bravissimi con la telecamera e sanno comunicare in maniera semplice e diretta. Grazie alle stories ora, queste figure del marketing sono riuscite ad attrarre ancor di più l’utente che si sente quasi ispirato dalle azioni e dalle parole dei suoi beniamini. 

Gli influencer attraverso il loro modo di fare, riescono ad ispirare e a generare engagement in poco tempo: questo il motivo per cui molte aziende, selezionano per le loro campagne alcuni di questi soggetti in linea col brand e i suoi valori. Fondamentale è dunque l’accrescimento della reputazione e del valore del brand, il quale riesce a guadagnare l’attenzione della community dell’influencer scelto. 

A garantire il successo di brand e influencer sono dunque loro, i followers. Senza il seguito di milioni di persone, queste figure ormai consolidate della comunicazione non esisterebbero. 

Influencer marketing: nicchia e diverse tipologie

influencer

Ciò che ha garantito il successo di queste figure, è la strategia di positioning che c’è dietro la loro comunicazione. Prima ancora di diventare tali, gli influencer decidono di rivolgersi ad una nicchia di mercato ben specifica, costruendo da 0 la loro community.

Scegliere il tipo di pubblico, il settore in cui andare ad operare e il modo di comunicare, sono 3 mosse indispensabili per gli influencer. Solo mostrandosi esperti o abili conoscitori di una sola materia, quest’ultimi possano creare il loro mercato e farsi conoscere e amare dai più per ciò che sanno fare realmente.

Ad oggi, possiamo distinguere 3 diverse tipologie di influencer in base al loro pubblico:

  • Nano – Influencer: profili di soggetti con un bacino di followers che va dai 0 ai 10K. Questa è la tipologia che si sta facendo sempre più largo per via del loro forte contatto con la community di riferimento;
  • Micro – Influencer: profili con un numero di followers che va dai 10K ai 100K; maggior autorevolezza, community più ampia e maggior possibilità di essere selezionati dalle aziende per delle collaborazioni;
  • Macro – Influencer: di questa tipologia fanno parte i soggetti come Chiara Ferragni, personaggi assai noti al pubblico in grado di generare fatturati da urlo grazie alla loro attività.

Il trend, nonostante i numeri, è tutto a favore dei nano – influencer: la spiegazione sta tutta nel forte calore che questi riescono a trasmettere alla loro community e alla maggiore vicinanza. 

Conclusioni

Una cosa è certa: gli influencer continueranno a crescere e a specializzarsi. Saranno loro gli interpreti e i promotori dei trend della comunicazione: lo stiamo già vedendo con Tik Tok

Ricorda però che la strategia viene prima di tutto: la comunicazione non è improvvisazione

Scritto da

Francesco Vitiello

Sono il Co - Founder & Digital Strategist di Now Social, network di professionisti del Digital a supporto delle PMI italiane.

Commenti | Nessun commento

Lascia un commento