fbpx

Ti interessa il social media management ? In questo post voglio illustrarti alcune strategie che metto in campo coi clienti per ottenere risultati nel medio lungo termine.

In più, voglio lasciarti qualche suggerimento sui giusti strumenti del mestiere da adoperare se sei un Social Media Manager o vorresti diventarlo.

Cercherò di lasciarti l’essenziale affinchè tu possa rileggere questo articolo più e più volte.

Sei pronto/a? Partiamo!

Prima di tutto, l’umanità!

Non ho mai apprezzato la comunicazione via chat.

Spesso sono il tipo di persona che quando deve affrontare un discorso, preferisce farlo davanti un caffè o seduti in riva al mare.

Forse questo mio modo di essere deriva dal fatto che da sempre in famiglia ricerco il dialogo, il confronto diretto: credo che solamente così le persone possano comprendersi realmente. 

L’aspetto umano è sempre stato fondamentale per me: sembra un paradosso, poichè ogni giorno mi confronto con le dinamiche online, ma preferisco di gran lunga quelle offline.

Voglio cominciare il racconto con le parole di un esperto di social mdia, Peter Friedman: ” Se date un tocco di umanità al vostro social media marketing, otterrete risultati migliori”. 

Cosa vuol dire l’espressione ‘un tocco di umanità’ ? 

Le piattaforme social, sono state ideate per comunicare, per intrattenere il proprio pubblico e coinvolgerlo: spesso, molte aziende, pensano che i social media siano fatti per vendere.

Molti clienti con cui mi sono approcciato, credono che attraverso i social media si possa vendere.

Chiaramente uno dei miei primi obiettivi è fargli comprendere la reale utilità di questi strumenti potentissimi: essenzialmente i social media servono per costruire un rapporto coi consumatori, una conversazione in cui ci sia uno scambio reciproco di idee, opinioni.

Sono importanti per costruire la famosa Brand Loyalty (fedeltà al brand).

In questo senso, lo stesso Friedman mette in guardia sull’utilizzo delle automazioni: quest’ultime rischiano di uccidere quel rapport che in realtà dovrebbe crearsi quando si fa social media management

Un’impresa con una grande quantità di clienti, non può permettersi di utilizzare automazioni solo perchè non ha il tempo di costruire un dialogo con la propria community.

Molti consumatori che seguono i social network ogni giorno, vanno intrattenuti e trattati bene.

C’è differenza fra social media management e social media marketing ?

Spesso si fa confusione.

Ci sono moltissimi articoli online che parlano delle due attività come se fossero la stessa cosa: non è così !

Quando ho cominciato a gestire i primi profili Instagram, mi sono sempre domandato quale fosse la differenza fra le 2 attività: spesso però mi imbattevo in articoli di settore che non spiegavano realmente la distinzione in modo semplice e chiaro.

Il problema di questa attività, è che molte volte viene resa incomprensibile, quando in realtà è di una semplicità assurda.

Veniamo ora alle differenze: aznitutto, il social media management, serve per creare una community ed aumentare i consumatori nel lungo termine

Cosa significa ? 

Significa che attraverso quel dialogo di cui ti parlavo prima, essenziale per instaurare un rapporto col tuo pubblico, potrai costruire una cerchia di ‘amici’ che seguiranno te o la tua marca.

Il social media marketing invece, serve esclusivamente per aumentare i consumatori nel corto – medio termine.

Fra l’altro, il social media marketing, è il modo più efficiente e a basso costo per raggiungere le persone attraverso le proprie pubblicità.

In che modo distinguiamo le 2 attività ? 

Vediamolo insieme ! 👇🏻

SOCIAL MEDIA MARKETINGSOCIAL MEDIA MANAGEMENT
Facebook AdsPostare contenuti organici
Campagne pubblicitarieCreare un piano editoriale
MonitoringFare attività di Community Management

Fai tesoro di questa distinzione: ti aiuterà a comprendere molte cose per il tuo futuro se vorrai intraprendere una carriera da social media manager.

Se vuoi approfondire queste tematiche, ti consiglio di seguirmi qui.

Prima di vedere insieme le strategie avanzate per crescere e vendere attraverso i social, voglio svelarti un paio di segreti.

Curare i social è un’attività impegnativa ed onerosa, sia a livello di tempo che a livello economico.

Se vuoi ottimizzare i processi, ti consiglio di scaricare Trello per tenere sotto controllo il tuo lavoro in maniera efficiente e sicura.

Per prendere appunti, utilizza invece Evernote, app utilissima se sei la classica persona che si appunta qualsiasi cosa (come il sottoscritto 😉).

Ora sei pronto per scoprire le strategie avanzate ?

Procediamo ! 👇🏻

8 strategie di social media management per crescere online 

Queste strategie, le sperimento in prima persona ogni giorno e le utilizzo coi mie clienti per ottenere risultati concreti. 

I consigli che sto per darti, significano molto per me: perciò mettiti comodo e prendi carta e penna.

1. Fare domande agli utenti

La comunicazione non dovrebbe mai essere a senso unico, anzi, compito del social media manager è proprio quello di creare un dialogo serrato e diretto coi clienti.

Fare il community management non è una cosa semplice.

Il ruolo viene spesso sottovalutato, ma in realtà, come tutte le discipline di questo settore, è ricco di insidie: spesso un buon community manager, si riconosce dalla cura che ci mette nel coinvolgere le persone.

Spesso lo fa prima offline, per poi procedere con le dinamiche adattate online.

Ciò che va, è adattare quello che funziona offline all’online.

Coinvolgi i clienti, fai domande e regala cose inedite ai più fedeli.

Solo così riuscirai a creare un dialogo sincero.

2. Danno consigli ed educano

Hai mai pensato che chi ti segue online vorrebbe saperne di più?

Siamo costantemente alla ricerca di informazioni, di cose nuove (parlo specialmente per me): dunque, tu che sei un sapiente della materia che tratti, perchè non offri un pò di conoscenza a chi ti osserva?

Ricordiamoci che i social media non sono un palcoscenico a senso unico: chi ci guarda vuole conoscerci, vuole stupirsi, vuole sentire cosa hai da raccontare.

3. Condividi i post dei clienti

Dimostra la tua attenzione ai clienti: mostra loro la riconoscenza per la scelta che hanno fatto. 

Le persone, quando ci scelgono, dedicano una parte del loro tempo a noi.

Il tempo è una risorsa preziosissima: dunque condividi i post dei tuoi clienti, mostrati vicino alle loro scelte.

I clienti, condividendo i tuoi prodotti/servizi sui social, mostrano chi sei e cosa fai alla loro cerchia di amici: tu guadagnerai moltissimo in termini di awareness.

Considera i tuoi clienti quindi, come degli ambassador della tua marca: condividendo i post degli utenti, creerai un circolo di repost, dato che i tuoi clienti vorranno essere ricondivisi dalla loro marca preferita.

4. Fai vedere il dietro le quinte

L’abbiamo già detto in un precedente articolo: se vuoi approfondire clicca qui

Sii aperto, trasparente e amichevole: solo così potrai creare una relazione positiva con gli utenti.

Il backstage ha un fattore potentissimo: il lato umano!

Sfruttalo a tuo vantaggio e cerca di valorizzarlo.

Quando mi imbatto nel ‘dietro le quinte’ di un’azienda, cerco sempre di captare diverse cose: qual è la figura che domina (spesso sarà a suo agio dopo un pò davanti alla camera), quali sono le dinamiche interne e qual è la storia che si respira.

Sono questi i fattori che un buon social media manager deve far emergere per portare alla ribalta una marca sui social.

5. Diverti il tuo pubblico

Te l’ho mai detto che uno dei meccanismi della persuasione è proprio la simpatia?

Bene: le grandi marche, spesso utilizzano questo principio ideando post divertenti o quiz di intrattenimento per il pubblico.

Le persone vogliono anche divertirsi: crea grafiche allegre, video o immagini che raffigurino aneddoti particolari dell’azienda e lanciati nella creazione di quiz / contest a premi.

In questo modo coinvolgerai il tuo pubblico e lo lascerai divertire.

I contest e i quiz funzionano particolarmente se la tua marca ha una community affiatata: in quel caso, gli early adopters dell’iniziativa, la diffonderanno gratuitamente per te.

6. Usa il video marketing

Attraverso i video, il messaggio è più efficace.

Specialmente se ti occupi di Local Marketing, dunque hai a che fare con aziende locali, i video sono il formato maggiormente performante.

Attraverso un video, puoi comunicare diverse sensazioni: inoltre le persone si sentiranno maggiormente coinvolte.

Il mio consiglio, è quello di cercare di catturare l’attenzione dell’utente con riprese accattivanti nei primi 8 secondi (l’attenzione umana non regge più di questo tempo).

Se non hai esperienza col video marketing, approfondisci qui

7. Condividi gli articoli di settore o i post dei blogger

Con questa mossa, attrai l’attenzione del tuo pubblico e del blogger stesso.

Condividere articoli di settore, ti permette di posizionarti come autorevole della nicchia in cui sei inserito: inoltre puoi mostrare approfondimenti e best practice di settore a chi è interessato.

Sfrutta questo consiglio per mostrarti esperto di settore (se ovviamente conosci bene la materia che tratti).

8. “Pensate ai consumatori come agli ospiti invitati al vostro party”

E’ importante che tu sappia tutto sui tuoi clienti: interessi, opinioni, preferenze.

Attraverso i social puoi approfondire tutti questi aspetti, cercando quindi di focalizzarti poi sul target specifico.

Sopratutto, cerca di tenere sotto controllo cosa si dice di te sul web.

Puoi utilizzare un tool come Talkwalker per il monitoraggio.

Gli strumenti del mestiere

Ti avevo promesso che alla fine di questo articolo ti avrei parlato di alcuni strumenti del mestiere per muoverti come social media manager.

Gli strumenti che sto per consigliarti, sono strumenti per la gestione, il monitoraggio e la pianificazione dei post.

Cominciamo:

  • Trello: utilizza questa app di Task Management per canalizzare gli argomenti e per gestire il lavoro al meglio; puoi tenere traccia dei progressi del tuo lavoro;
  • Hootsuite: scelta irrinunciabile per ascoltare la propria audience sui vari social network;
  • Buffer: puoi schedulare i tuoi post in modo tale da consentire la pubblicazione automatica;
  • Creator studio: schedula i post Facebook e Instagram con lo strumento gratuito di Facebook;
  • Iconosquare: vuoi analizzare la tua audience di Instagram ma non sai come fare? Affidati al tool Iconosquare;
  • Bit.ly: abbiamo parlato dell’importanza del social media marketing. Spesso per le tue campagne social, ti troverai ad inserire link: tramite Bit.ly puoi ottenere link accorciati e pronti per l’utilizzo
  • Kobral: misura il tuo engagement social con Kobral.

Per sviluppare un’attività di social media management di successo, coinvolgi il tuo pubblico.

Poi ricordati degli strumenti del mestiere.

 

 


Siamo arrivati alla fine di questo articolo.

Prossimamente ti regalerò altri consigli per la tua strategia social.

A presto.

Il tuo amico digitale Francesco.

Please follow and like us:

Francesco Vitiello

Sono laureato in Comunicazione Pubblica e D’impresa alla Sapienza e sono un libero professionista che si occupa di Digital Marketing e Social media marketing.Il mio obiettivo è quello di far comprendere il marketing online a tutti.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Condividi il post sui tuoi canali social.