fbpx

Hai compreso l’importanza dei social media come strumento di Web Marketing ma non sai come utilizzarli?

Partiamo dalle origini e scopriamo come sfruttare il Copywriting per trasformare i social media in strumenti potentissimi per generare traffico e vendite. 

La gestione dei social media richiede impegno e costanza, dato che le variabili in gioco sono molte:

  • Gli orari adatti in cui pubblicare
  • La frequenza di pubblicazione
  • Quali contenuti pubblicare
  • Misurare il ROI (Return on Investment)

Dopo una prima ricerca, riesci a trovare i software migliori con cui programmare i tuoi contenuti sui social (es. Buffer, Hootsuite, Later) ma non viene fuori nulla di buono o coinvolgente per la tua audience…

Sui social media anzitutto, vanno rispettate delle regole specifiche:

  • Orari favorevoli per la pubblicazione
  • Tipo di contenuti
  • Target di pubblico
  • Dimensioni e formati di immagini e video

Andando a ritroso però, prima di questi tecnicismi, c’è la scrittura, ossia ciò che accompagnerà il tuo contenuto visual.

Se hai incontrato lo scoglio della pagina bianca o del foglio vuoto di Word non temere, ciò che sto per dirti ti risolverà non pochi problemi in merito all’argomento.

Copywrting: cos’è e come padroneggiarlo

Copywriting

Quando nominiamo la parola Copywriting, parliamo di un concetto che esprime un processo preciso: ciò che scriviamo sui social, sul blog o nelle mail, è copywriting.

Pensa a tutte quelle parole che leggi nelle descrizioni dei video di YouTube, o a quelle della tua lettera di presentazione o di quelle presenti nel tuo blog. 

Bene.

Fino a quando tutte queste parole, riescono ad attrarre la nostra attenzione, possono considerarsi copywriting.

La scrittura persuasiva e il copywriting sono 2 facce della stessa medaglia.

Mettiamola così: il copywriting è l’arte di scrivere per vendere

Le parole comunicano alle persone ciò che il tuo business rappresenta: le tue parole sono il DNA del tuo business, i suoi valori, le sue credenze, lo stile e la personalità. 

Ma non solo, attraverso le parole puoi rappresentare chi c’è dietro al brand, e che ti piaccia o meno, le persone ti giudicheranno in base alle parole che usi.

Sono le parole che fanno cambiare idea alle persone, che riescono a coinvolgere o a demolire. 

Attraverso queste puoi entrare nella mente delle persone e spingerle a fare l’azione che tu richiedi: sia chiaro, il copywriting va inteso in termini puramente pubblicitari, e la pubblicità rispetta le norme etiche.

Per scrivere testi che arrivino al cuore delle persone, fai leva su questi 3 principi:

  • Chiarezza d’esposizione: ciò che dici deve essere chiaro a tutti, le persone non devono fare domande per comprendere. Anzi, se possibile anticipa le domande del tuo pubblico;
  • Personalità: quando i tuoi testi hanno una personalità genuina, le persone ti seguiranno e si innamoreranno dei tuoi testi. Imponi un tuo stile di scrittura e vedrai che le tue idee si diffonderanno;
  • Risonanza: sono le parole che si connettono ad un livello più profondo col lettore. E’ un pò come con le lettere: immagina di scrivere una lettera ad un amico o alla tua ragazza che non vedi da tanto tempo. Le tue parole devono colpire il cuore e l’anima di chi legge.

Oltre a seguire questi 3 principi, dovrai rispettare altre 3 regole fondamentali per colpire il lettore:

  1. Immagina il potenziale target
  2. Iscriviti a gruppi che trattano l’argomento che vuoi trattare tu, capisci di cosa hanno bisogno le persone (trova idee per i tuoi contenuti)
  3. Entra nei panni del tuo lettore/cliente

Costruisci l’avatar del cliente ideale

copywriting

L’avatar è il tuo lettere ideale, la persona che vuoi persuadere coi tuoi testi.

Esso rappresenta la persona a cui indirizzare tutta la tua comunicazione: social, blog, canale YouTube.

Come si crea un avatar?

Parti da qualcuno che già conosci: se hai già un blog o dei canali social, il tuo avatar è la persona che ti segue, ti legge.

Se non hai alcun canale attivo, lavora con l’immaginazione. 

Ricordi il consiglio sulle community: se ti iscriverai a community che trattano l’argomento che dovrai trattare tu, capirai i bisogni delle persone e ricaverai una miniera d’informazioni.

Lo scopo di creazione dell’avatar è entrare nei panni del tuo lettore/cliente, di colui/colei del quale vuoi attirare l’attenzione.

Perchè il tuo messaggio sia efficace, è necessario che tu parli ad una singola persona specifica. Ti sembrerà strano, ma parlare a tutti equivale a parlare con nessuno.

Proviamo a ragionare: pensa al locale più in voga su Roma o nella tua zona di residenza. Cosa avviene in questi locali? 

La selezione.

C’è un locale a Roma che ha basato tutto sulla selezione: il Factory.

Se non sei vestito in un certo modo, non puoi entrare dentro quel locale, fine della storia.

Ecco, il vestiario è il modo che il Factory ha di comunicare il tipo di persone che vuole.

Rendere un locale esclusivo, per poche persone selezionate, lo renderà uno dei locali più discussi, famosi e anelati dai giovani.

Facciamo un esempio pratico: il Coronavirus ha costretto milioni di persone a restare chiusi nelle proprie case per mesi.

Questa situazione ha dei risvolti negativi nella vita delle persone. La lotta al sovrappeso e la cura dell’estetica sono tematiche importanti.

Creando un blog, avresti poi potuto condividere una serie di informazioni utili per chi volesse approfondire. 

Vediamo insieme alcuni copy pratici:

  • Perdere 10kg in un mese senza andare in palestra: si può!
  • Il programma per ottenere massa muscolare in pochi minuti.

Questi due copy parlano a persone differenti: mettersi nei panni di chi legge, è la chiave per scrivere in modo genuino e colpire il tuo pubblico.

La chiave non è essere utile a tutti, ma essere utili per un singolo individuo.

Nella costruzione del tuo avatar, tieni a mente questi parametri:

  • Età
  • Reddito
  • Sesso
  • Cosa fa per vivere
  • Come si svolge il suo giorno tipico
  • Quali sono i suoi pensieri riguardo i soldi e la politica
  • Quali sono i suoi hobby come i programmi TV, giornali, libri, film e musica

Sono particolari che aiutano a capire il modo in cui la persona vede il mondo. 

Focalizzarti su una singola persona, ti permette di entrare nel dettaglio, di essere più specifico, di entrare in empatia col lettore e dialogare ad un livello personale, come se stessi scrivendo una lettera ad un amico.

E’ inoltre importante comprendere quali sono le speranze, le paure e le frustrazioni che il pubblico ha rispetto a ciò che vuoi presentare o vendere.

Ed è necessario per capire quali sono le parole che utilizza il tuo cliente per esprimere tali emozioni. 

Copywriting per i social: 11 tips fondamentali

Ora siamo pronti a vedere insieme i consigli di scrittura per i social utili ad aumentare l’engagement dei tuoi post.

Vediamoli insieme:

  • La lunghezza conta, ma anche il contesto e la creatività: sui social media, i contenuti brevi funzionano meglio. Non utilizzare gli hashtag per Facebook perchè potrebbero abbassare le performance del virality reach;
  • Crea una narrazione e metti al centro le persone: crea una narrazione che risvegli un bisogno conosciuto ma raccontalo con occhi nuovi. Fornisci le informazioni necessarie e svela subito i benefici del tuo prodotto o servizio, ma non essere completo: le persone vogliono scoprire da sole il resto;
  • Scrivi contenuti ispirazionali: le caratteristiche dei tuoi prodotti o servizi sono oggettive e ti allontanano dalle persone. Descrivi i vantaggi, sono soggettivi e ti avvicinano al lettore;
  • Elimina frasi inutili: vesti i panni del lettore e cerca di essere chiaro;
  • Evita frasi fatte, parole banali o troppo generiche: dire che il tuo servizio di Social Media Marketing ha già aiutato 100 clienti è più efficace di “centinaia di clienti”;
  • Offri un ottimo motivo: offri alle persone le soluzioni, non parlare solo delle caratteristiche dei tuoi prodotti;
  • Non fare false promesse: i miracoli non esistono. Ricorda che il copywriting serve a vendere, dunque le tue parole devono eliminare nella mente delle persone le obiezioni;
  • Occhio alle subordinate: scrivi frasi brevi e lineari;
  • Cura la punteggiatura: la tua comunicazione non deve essere monodirezionale, usa i punti interrogativi, perché cambiano la percezione della tua voce e chiamano in causa il lettore. Infine, cerca di evitare il punto esclamativo. Comunica pigrizia e sciatteria;
  • Evita troppi aggettivi: cerca di essere diretto e di andare dritto al punto, gli aggettivi servono solo per allungare il brodo;
  • Sii onesto e mostra la tua sicurezza: mostra sicurezza con ciò che fai. Fa tutta la differenza del mondo dire “Questi consigli di copywriting cambieranno il tuo approccio sui social media, vai sul mio blog” rispetto a “Se pensi che questi consigli di copywriting possano tornarti utili, segui il mio blog.

Come influenzare il comportamento delle persone col copywriting

Hai mai sentito parlare del modello di FOGG

Questo modello comunicativo, ci dice che per far sì che il nostro utente/cliente faccia ciò che desideriamo, devono allinearsi 3 elementi:

  • Motivazione
  • Abilità
  • Attivatore o trigger

L’equazione che devi sempre tenere a mente è:

Comportamento = motivazione x abilità x attivatore

Partiamo con la prima.

Esistono 3 coppie di motivatori principali:

  1. Piacere – dolore: le persone rispondono immediatamente a questa coppia. La reazione al piacere/dolore sono impulsi ad agire repentini. Perchè è potente questa combo? Perchè risponde all’obiettivo ancestrale di ogni essere umano, ossia l’auto – conservazione;
  2. Speranza – paura: la prima anticipa qualcosa di buono che accadrà (o potrà accadere). Al contrario, la paura anticipa qualcosa di brutto, molte volte riferito ad una perdita. La speranza è la motivazione più potente, ed anche quella più etica;
  3. Accetazione sociale – rifiuto: ha un impatto su tutto, dagli abiti che indossiamo al linguaggio che usiamo. Tu non vuoi essere respinto e vuoi sentirti parte del gruppo. Se ci pensi, i social hanno successo poichè alla base c’è il desiderio di essere socialmente accettati.

Quando parliamo di abilità, parliamo della capacità di rendere il tutto più semplice possibile. Se devi ottimizzare fra motivazione e abilità, scegli sempre l’abilità: è un pò come recarsi ad un centro commerciale e non trovare il prodotto che stai cercando. 

Come si innesca il processo?

Attivatore o trigger per il tuo copywriting

Un attivatore o trigger è tutto ciò che ti spinge ad agire, a fare qualcosa.

Gli attivatori più comuni sono le CTA dei siti web:

  • Compra ora
  • Richiedi un preventivo
  • Prenota ora

Crea un percorso suddiviso di micro – conversioni che accompagneranno le persone verso l’acquisto (lungo il customer journey).

Quando crei i tuoi attivatori e micro – conversioni, assicurati che le persone abbiano maturato il giusto livello di motivazione e/o abilità:

  • Se lo fai al momento giusto, le persone ti ringrazieranno;
  • Se manca l’abilità, le persone saranno frustrate;
  • Se manca la motivazione, le persone saranno infastidite.

Conclusioni

Comunicare bene è una scelta: ricorda che una comunicazione rivolta a tutti equivale a testi scritti per nessuno.

Ora hai fra le mani la guida per scrivere dei copy da urlo per i social media: condividi l’articolo coi tuoi amici e iscriviti alla newsletter per ricevere le informazioni BONUS da Nowsocial.it

Please follow and like us:

Francesco Vitiello

Sono laureato in Comunicazione Pubblica e D’impresa alla Sapienza e sono un libero professionista che si occupa di Digital Marketing e Social media marketing.Il mio obiettivo è quello di far comprendere il marketing online a tutti.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Condividi il post sui tuoi canali social.