fbpx

E’ forse l’investimento più importante che tu possa fare per te stesso e per il tuo brand. 

Sebbene il blog sia visto oggi come uno strumento di marketing antiquato, quasi obsoleto rispetto ai diversi canali social, avere un blog aziendale è necessario per una lunga serie di motivi che snoccioleremo insieme. 

C’è una persona, conosciuta ormai in tutto il mondo, che ha fatto carriera e si è fatta conoscere grazie a questo strumento: Chiara Ferragni

L’influencer italiana più seguita del momento, ha cominciato la sua carriera online grazie al blog The Blonde Salad. 

La fashion blogger aveva compreso l’importanza di comunicare con la propria voce online. 

Forse la mossa più rivoluzionaria che tu possa fare, è quella di essere te stesso e di esporti, di raccontarti, di comunicare le tue idee e i tuoi valori. 

Ma la domanda sorge spontanea: se ogni anno salta fuori un nuovo social network che cattura l’attenzione di milioni di utenti, quanta vita ha ancora il blog?

Perchè dovresti creare un blog

blog

Il blog è eterno. 

In questo caso, non occorre domandarsi se ha ancora senso creare un blog nel 2020, ma bisogna porsi domande specifiche sul come portarlo avanti. 

Sì perchè un blog è una cosa seria, e che tu ci creda o no, è un pò come avere un figlio.

Il blog non scomparirà mai, mettiamocelo in testa: piuttosto che domandarci se creare un blog o meno, cominciamo a porre le basi per farlo nella maniera corretta. 

Il blog è per tutti…

Chiunque può possederne uno, nessuno escluso: che tu voglia comunicare le tue passioni per il giardinaggio, o i tuoi interessi verso il mondo food & beverage.

Si, okay, ma quali sono i tuoi obiettivi?

Vuoi fare Brand Awareness. Vuoi ottenere nuovi lead attirando traffico grazie ai tuoi articoli. Vuoi monetizzare grazie al blog

Prima di creare un blog, datti degli obiettivi, possibilmente SMART.

Senza un obiettivo, non puoi andare avanti: peggio ancora, senza una corretta pianificazione dei tuoi contenuti, non riuscirai a starci dietro. 

Fidati, è così. 

Sapere cosa scrivere…

Arriviamo al secondo step: dopo gli obiettivi, occorre sapere cosa scrivere.

Ci sono moltissimi portali che hanno conosciuto un discreto successo attraverso il principio della verticalizzazione.

Che significa?

Hanno scelto un argomento, principalmente di nicchia, e lo hanno snocciolato nel corso del tempo andando a toccare in maniera specifica i suoi diversi punti. 

Questo modo di scrivere, fa bene a Google, poichè ci posiziona in base alle keyword scelte, e fa bene alla nostra autorevolezza.

In questo senso, puoi posizionarti come la persona autorevole sul settore Personal Branding (per esempio). 

Per chiarire, scegli un argomento cardine (es. Affiliate Marketing) e trattalo in ogni suo punto specifico facendoti percepire come l’esperto sul tema.

Dunque, riassumendo, elenchiamo i motivi per cui dovresti creare un blog:

  • Il portale è tuo: dopo aver acquistato il tuo Hosting e il tuo dominio (ti consiglio come portali Siteground o Aruba), puoi creare da 0 il tuo blog e impiantare sul web la tua nuova abitazione;
  • Maggior valore: se vuoi creare un funnel di valore per i tuoi utenti, il blog resta il portale dove puoi approfondire le tematiche trattate sui social e generare maggior interesse attorno al tuo progetto online. I contenuti Long Form ti permetteranno di fidelizzare meglio i tuoi utenti;
  • L’investimento più importante che puoi fare: attraverso un calendario editoriale ben strutturato, con costanza e dedizione, puoi ottenere grossi risultati nel medio – lungo termine grazie ai tuoi contenuti;
  • Ti dà autorevolezza: oltre ad acquisire contatti e partnership, potrai acquisire una buona autorevolezza agli occhi di chi guarda e legge i tuoi contenuti;
  • Puoi personalizzarlo come e quando vuoi: essendo di tua proprietà, il blog potrà essere personalizzato seconde tuoi gusti e strategie;
  • E’ un ottimo canale di acquisizione: grazie alla costanza nella pubblicazione e alla professionalità del tuo piano editoriale, puoi sfruttare il blog come vero e proprio canale per fare acquisizione.

Col blog non si scherza

Non dimenticarti della costanza. 

A Google, ma anche ai lettori, non piacciono le pubblicazioni una tantum: il tuo obiettivo deve essere quello di mantenere alto l’interesse degli utenti nei confronti del tuo portale.

E per farlo, ti occorrono numerosi contenuti ben scritti. 

Posizionamento digitale e reputazione vanno a braccetto con la parola costanza: non puoi definirti autorevole se pubblichi un post ogni 4 mesi sul tuo blog.

Non dimentichiamoci della penna: non conta soltanto quanto scrivi, ma anche come lo fai. 

La scrittura efficace colpisce, cattura l’attenzione in poco tempo ed è condivisibile: dovrai essere chiaro, semplice e lineare.

Ogni scelta stilistica dovrà essere portata avanti con coerenza.

blog

Creare il proprio blog da 0

Approfondiremo con un articolo più specifico questo argomento, però qui voglio darti alcuni semplici consigli per porre le basi del tuo blog:

  • Scegli un nome: scegli un nome che rappresenti al meglio chi sei e cosa fai. Ricorda che il naming comunicherà tutto sul tuo brand;
  • Hosting e dominio: acquista uno spazio web e un dominio attraverso un servizio di hosting (es. Aruba o Siteground). Scegline uno veloce e performante per non penalizzare il tuo sito;
  • Installa WordPress: quest’ultimo è il migliore CMS in circolazione. Installane uno subito e scegli il tema adatto per te;
  • Crea il tuo piano editoriale: cerca di essere costante e utilizza un foglio Google o altri servizi per calendarizzare i tuoi contenuti. 

Un sito deve essere responsive per ogni dispositivo (ricordiamo che ad oggi, il device maggiormente utilizzato, resta il mobile), veloce nel caricamento, ottimizzato a livello SEO e con poche pubblicità al suo interno.

Perchè deve avere poche pubblicità?

Per non rovinare la UX dell’utente, ossia l’esperienza utente che quest’ultimo fa quando visita il nostro portale.

Ciò che ti permetterà di emergere e di guadagnare un posizionamento, sarà la costanza con cui pubblicherai i tuoi contenuti.

Collega il tuo portale a Google Analytics per analizzarne l’andamento: osserva e comprendi i dati per poter procedere strategicamente.

Puoi sempre sfruttare le Facebook Ads per promuovere i tuoi articoli di blog: ti consiglio di leggere i precedenti post per saperne di più.

Conclusioni

Qui a Nowsocial.it crediamo molto nel blog: speriamo di averti dato la carica giusta per aprirne uno tutto tuo. 

Puoi seguire Nowsocial su Instagram per continuare a formarti sul Digital Marketing e per comprendere le dinamiche di questo mondo. 

Iscriviti alla Newsletter mensile per ricevere contenuti extra e e per approfondire il Digital Marketing.

Please follow and like us:

Francesco Vitiello

Sono laureato in Comunicazione Pubblica e D’impresa alla Sapienza e sono un libero professionista che si occupa di Digital Marketing e Social media marketing.Il mio obiettivo è quello di far comprendere il marketing online a tutti.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Condividi il post sui tuoi canali social.